Come stare bene a 360 gradi

0

Lo stato di benessere si ha quando ci si trova in una situazione di salute fisica accoppiata ad una di benessere psicologico. Solo l’insieme di corpo e mente può creare uno stato di completo benessere, perché se uno dei due fattori è in qualche modo compromesso tutto l’insieme ne viene danneggiato. Per stare bene a 360 gradi è quindi importante coltivare sia il fisico che la mente.

Lo stato di salute è un dato di fatto misurabile in modo scientifico. Si tratta di essere fisicamente sani e quindi privi di patologie. Qualsiasi medico può diagnosticare il buono stato fisico di una persona sana. Diverso è il caso del benessere psicologico, che può invece essere soggettivo. Quest’ultimo dipende infatti da una serie di aspettative e bisogni che possono o meno essere soddisfatti.

Il benessere psicologico a 360°

Uno stato di benessere psicologico e di serenità può essere determinato da fattori soggettivi, che alcuni possono trovare importanti, mentre altri preferiscono concentrarsi su aspetti diversi della vita. Uno stato di appagamento psicologico può derivare da una buona posizione lavorativa o economica secondo alcuni, dipendere dall’avere una famiglia felice e numerosa secondo altri, dal godere di buona salute o da avere buoni voti a scuola.

Il benessere psicologico dipende dall’appagamento di questi bisogni e contribuisce a stare bene a 360 gradi. Si tratta di una valutazione che ognuno fa dello stato della propria vita, decidendo se si trova dove vorrebbe essere oppure no. La felicità, che spesso viene accomunata al benessere psicologico, è invece una cosa diversa.

La ricerca completa della felicità

La felicità, secondo una definizione data da diversi studi sull’argomento, dipende principalmente da due fattori: uno cognitivo e uno affettivo. Secondo alcune ricerche molti si impegnano in realizzazioni individuali, come l’ecellenza nello studio o la carriera lavorativa, ma sono le esperienze sociali e condivise a dare una maggiore sensazione di felicità.

Vi sono diversi fattori che permettono di vivere meglio e più serenamente, avvicinandoci alla sensazione sia di felicità che di benessere psicologico.

Si tratta di:
– autonomia e indipendenza
– stima e rispetto di sè stessi
– appagamento sul posto di lavoro o nello studio.

L’insieme di tutti questi fattori, soprattutto se si ha la possibilità di condividere i propri successi con una persona cara, può portare al benessere psicofisico.

Come raggiungere uno stato di benessere psicofisico

Il benessere psicofisico, insieme alla salute fisica, determinano la sensazione di stare bene a 360 gradi, in ogni aspetto della propria vita. La salute fisica si ottiene con uno stile di vita sano e controllato. Ovviamente non è facile mantenersi sani, ma in molti casi è sufficiente ridurre i possibili fattori di rischio e tenersi in forma facendo una vita attiva.

Ottenere il benessere psichico non è altrettanto facile. Vi sono però alcuni trucchi per migliorare il proprio senso di benessere. Un consiglio importante è quello di ridurre le proprie aspettative. Tentare di ottenere l’impossibile significa condannarsi quasi certamente al fallimento. Porsi obiettivi più alla propria portata ne facilita il raggiungimento, con il relativo senso di appagamento che ne deriva.

Pensare positivo

Per migliorare il proprio stato di benessere psichico e stare bene a 360 gradi è importante essere ottimisti ed eliminare i pensieri negativi. Rimuginare sugli errori passati significa macerare senza ragione nei pensieri negativi. Si tratta comunque di eventi passati e su cui non è più possibile influire.

Essere organizzati e pianificare i propri impegni rende la vita più semplice ed evita, o comunque riduce drasticamente, spiacevoli imprevisti. Non si tratta ovviamente di garantirsi un futuro positivo, ma almeno di ridurre i rischi che qualcosa vada male, rovinando il nostro stato psicofisico.

Vivere con gli altri

Uno dei segreti per ottenere uno stato psicologico positivo ed avvicinarsi alla salute psicofisica a 360 gradi è sviluppare una personalità socievole e coltivare le amicizie e le relazioni interpersonali. Poter parlare con qualcuno dei propri problemi è il miglior modo per metterli in prospettiva e vederli in modo diverso. Il parere di un amico poi, oltre che influire a livello psicologico, può aiutare a trovare soluzioni a cui da soli non si avrebbe pensato.

Coltivare relazioni e amicizie è quindi importante, a patto di essere sempre se stessi. Fingere una personalità che non si possiede per compiacere il prossimo danneggia l’autostima. Essere sinceri con se stessi è uno dei primi passi verso la salute psicofisica.

Potrebbe piacerti anche Altri di autore

Lascia una risposta

L'indirizzo email non verrà pubblicato.