Scienza afferma, i soldi portano benessere e felicità

0

Il denaro rappresenta senza dubbio il motore del mondo. Senza di esso infatti risulta impossibile riuscire ad eseguire tutta una serie di azioni ed attività che sono alla base della vita quotidiana di ogni persona. Per questo motivo si cerca di accumularne sempre di più: i soldi consentono di vivere e di soddisfare le proprie esigenze.

Ma oltre a mantenere semplicemente in vita gli uomini, i soldi costituiscono anche un mezzo per poter affermare il proprio status rispetto agli altri: chi ha più denaro rispetto ad un altro avrà senza dubbio un potere maggiore e dunque una valenza maggiore all’interno della società.

Con i soldi inoltre è possibile concedersi tutti quei capricci che sono insiti nell’animo umano. Riuscire a regalarsi qualcosa che si è tanto desiderato non solo appaga il desiderio ma concede anche una piacevole sensazione di soddisfazione. Ciò è proprio quello che affermano gli esperti i quali ritengono che i soldi fanno la felicità. Articolo tratto dalle informazioni presenti su comefaresoldicon.info

Soldi e felicità: il connubio perfetto dimostrato dagli esperti

Che i soldi rendano le persone più felici è sicuramente un’affermazione che potrebbe sembrare piuttosto banale e scontata. Ma tale ipotesi ha un proprio fondamento: le persone che possono permettersi di spendere una certa quantità di soldi sono più appagate rispetto ad altre perché tendono a soddisfare maggiormente i propri desideri.

Secondo alcune esternazioni fatte da famosi studiosi, le persone però hanno la tendenza a spendere i propri soldi per tutto ciò che è materiale, tangibile e concreto in quanto ritengono che esso sia più duraturo. Da ciò nasce quindi la convinzione di aver speso in modo ottimale il proprio denaro.

Al contrario acquistando qualcosa di astratto, che non si può toccare (come ad esempio fare dei viaggi, concedersi una vacanza, assistere a dei concerti) sembra di aver speso invano il proprio denaro per qualcosa quindi destinato a finire. Naturalmente si tratta solo di un’impressione che però risulta essere ben radicata nella maggior parte degli individui.

I soldi fanno la felicità ma non comprano il tempo

È ormai largamente risaputo che con i soldi è possibile acquistare la maggior parte dei beni materiali (e non materiali) presenti al mondo. Tuttavia c’è qualcosa che con i soldi non è possibile acquistare ovvero il tempo. Quest’ultimo però può essere utilizzato in base alle proprie esigenze e necessità, ed è proprio in questo senso che entra in gioco il denaro.

Chi possiede molto denaro molto spesso sottovaluta il potenziale che esso può avere. Di frequente inoltre i soldi vengono spesi nel modo sbagliato solamente per appagare il proprio ego: se ci si trova lontano dal lavoro e si possiede un certo quantitativo in denaro, la prima cosa che viene in mente alla maggioranza delle persone è acquistare un’auto più veloce e potente.

Questa rappresenta senz’altro la soluzione più scontata ma non è di certo quella più giusta. Piuttosto che acquistare una macchina nuova sarebbe più plausibile e molto più intelligente comprare un’abitazione che sia senz’altro più vicina al proprio luogo di lavoro.

I soldi portano benessere e felicità

Secondo il parere di alcuni studiosi nell’uomo ci sarebbero due tipologie di percezioni del benessere: la prima è quella dell’emozione (che si concentra sulle sensazioni e le emozioni di una persona nella sua vita quotidiana), mentre la seconda è quella che ogni persona ha della propria esistenza.

Entrambe le percezioni del benessere sono estremamente sensibili al reddito e ne sono largamente influenzate. Ad esempio, se il reddito di una persona tende ad aumentare sensibilmente rispetto al passato oppure ai suoi standard generali, essa avrà la percezione di avere un tenore di vita molto alto. Anche la percezione emotiva del benessere tenderà ad aumentare in maniera esponenziale.

Tuttavia questa felicità emotiva, secondo alcune stime, tende ad aumentare solamente se il reddito annuale supera una certa cifra. In caso contrario, se si abbassa oppure se resta costante, ad aumentare saranno invece l’infelicità, lo stress, lo paura e la tristezza.

Potrebbe piacerti anche Altri di autore

Lascia una risposta

L'indirizzo email non verrà pubblicato.