Trucco naturale? Come fare un makeup semplice

Il nuovo stile all'insegna dell'eleganza naturale, il makeup semplice, vediamo come ottenerlo

0

Sembra impossibile a chi ha sempre concepito il trucco come qualcosa di sgargiante e artificiale, eppure molte celebrità hanno già adottato da tempo questo stile, esibendo anche sul red carpet visi luminosi senza toni pesanti e ritocchi evidenti.

La nuova tendenza volta alla sobrietà e alla semplicità ha dunque conquistato anche le star e le modelle, che sulle passerelle e sotto i riflettori si mostrano sempre più spesso con un make up tanto lieve che solo un occhio veramente esperto è in grado di riconoscerlo. Dietro un viso naturale, si cela però un lungo e accurato lavoro ricco di scelte precise e accorgimenti.

Trucco naturale: quella che un tempo era una contraddizione in termini, oggi diventa pura realtà. Il look del futuro parte da un make up che non contamina il viso e non stravolge i suoi colori, ma esalta i lineamenti e la bellezza della pelle.

Ma anche se non siete dei make up artist e non avete la possibilità di dedicare troppo tempo al trucco, un look naturale potrà comunque fare al caso vostro una volta che avrete imparato i metodi più semplici e veloci per raggiungere un ottimo risultato. Otterrete così un look che valorizzerà il vostro viso senza stravolgerne le tonalità, adatto per occasioni casual come per serate eleganti.

Il trucco nude per risaltare il viso

Quando si parla di trucco naturale, o “make up nude”, il riferimento è a un make up caratterizzato da tonalità più scure (tendenti al marroncino) o rosate, che danno il giusto risalto al volto senza esagerare con l’intensità dei toni.

Il trucco non trucco  di cui a volte si sente parlare non è esattamente la stessa cosa, poiché si basa soprattutto su texture chiare o trasparenti che donano un po’ di brillantezza e lucidità alla pelle, celando magari anche qualche piccolo difetto.

In entrambi i casi, la parola d’ordine è evitare gli eccessi. Se aspiriamo a ottenere un look pulito ma raffinato, che ci faccia apparire al meglio sia nelle occasioni importanti che nei nostri impegni quotidiani, dobbiamo puntare alla semplicità riuscendo a trovare l’equilibrio giusto nell’uso dei nostri prodotti di bellezza.

Cosa vuol dire avere un viso che esprime naturalezza e semplicità?

Se non vogliamo che chi ci guardi noti immediatamente il nostro trucco, dobbiamo scegliere tonalità che non siano né troppo accese né troppo scure, ma che si avvicinino invece il più possibile ai nostri colori naturali. Fuggiamo allora da intensità e pesantezza e cerchiamo di illuminare il nostro viso quanto basta.

Ricordiamo sempre che il fine di un buon make up, e ciò vale in particolar modo per un trucco naturale o make up nude, non è quello di mascherare o di snaturare la nostra personalità, ma di esaltarla per mostrarne il lato migliore.

Come possiamo riuscirci? Anche chi non ha moltissima dimestichezza con le tecniche avanzate di make up può imparare a seguire questa tendenza facendo tesoro di alcuni importanti consigli pratici che ci apprestiamo a fornire per guidarvi nella scelta di colori, sfumature e tipologie di prodotti.

Prima di proseguire è doveroso segnalare che è nostra fonte d’ispirazione l’eshop di prodotti cosmetici naturali milkybath.it , al suo interno sono disponibili centinaia di prodotti per makeup naturali di ottimo valore.

La preparazione al trucco e il correttore

Per quanto potrebbe sembrare superfluo ricordarlo, non è possibile iniziare a truccarsi se la pelle non ha raggiunto prima un aspetto pulito e idratato. Inoltre, dobbiamo sempre evitare che i prodotti che utilizzeremo secchino la nostra cute o la aggrediscano: un look naturale non può prescindere dalla salute.

  • Dopo aver eliminato dal viso con un lavaggio accurato ogni traccia di trucco precedente, è quindi indispensabile partire dall’uso di una buona crema idratante che ci metta al riparo dalla secchezza.
  • Una volta che abbiamo disteso il primer per far aderire al meglio il trucco, è il momento di applicare il nostro correttore. Per la scelta del prodotto giusto, dobbiamo saper analizzare le diverse tipologie in commercio e tenere conto delle nostre esigenze specifiche.
  • Un correttore secco si rivela più efficace per nascondere i brufoli, mentre uno più liquido o morbido risulta più indicato per le occhiaie e altri segni della pelle. I correttori in stick o quelli compatti, benché siano generalmente più coprenti, possono tuttavia avere l’effetto contrario su alcuni visi e persino evidenziarne le imperfezioni. A volte è quindi molto meglio orientarsi verso un correttore più fluido che non appesantisca. Naturalmente, la scelta deve derivare dalla conoscenza del nostro viso e della nostra pelle.

Come applicare il correttore? Per chi ha già sviluppato una certa abilità, il metodo migliore consiste nell’applicazione tramite un pennello. In caso contrario, è consigliabile usare le dita, che ci forniscono un piacevole vantaggio in comodità e rapidità.

Come in ogni cosa, è bene non esagerare. Il correttore potrebbe infatti appesantire il nostro viso, ma se viene applicato con moderazione e soltanto nei punti dove è davvero necessario, allora il risultato sarà più che gradevole.

Contro il tono bluastro delle occhiaie si utilizza un correttore che tenda all’aranciato, ma di norma è consigliabile evitare correttori troppo chiari o accesi. Una tonalità più chiara della nostra pelle è sufficiente per ottenere un lieve effetto luminoso.

Il fondotinta: quale scegliere per un tocco naturale?

Dopo il correttore, per colorare ancora più uniformemente il viso utilizziamo il fondotinta. Per un autentico trucco nude è meglio sceglierne uno liquido che sia leggero e sfumato. In questo modo, l’effetto naturale sarà garantito. Ma più un fondotinta è liquido, più rischia di coprire meno. Il livello di copertura aumenta di pari passo con la densità, ma attenzione a preservare la naturalezza.

Non dimentichiamo che il fondotinta non deve cambiare il colore della nostra pelle: il suo scopo è invece quello di omogeneizzarlo. Dunque è assolutamente indispensabile sceglierne uno che si avvicini il più possibile al nostro colore naturale.

Mai provare il prodotto osservando solo il colore del flacone: ricordiamo che il fondotinta, dopo alcuni secondi dall’applicazione, tende spesso a scurirsi. Perciò è necessario testarlo sulla nostra pelle per scoprire se si adatta bene al nostro colorito.

Gli esperti consigliano di non provare mai il fondotinta sulla mano o sul polso. Meglio farlo sul collo, la zona che più si avvicina al colore del viso. Ma attenzione a non sporcare il colletto della camicia o giacca che eventualmente indosseremo.

Applicazione del fondotinta:

  • Applichiamo il fondotinta partendo dal centro e stendendolo poi verso l’esterno, andando via via sfumando verso i lati del viso. Per questo procedimento possiamo usare un pennello o una spugnetta, ma se il prodotto è molto liquido si usano spesso le mani.
  • Per fissare il tutto e ottenere un lieve effetto opacizzante applichiamo la cipria, che non è strettamente necessaria nel caso in cui abbiamo scelto un fondotinta molto liquido, soprattutto per chi ha una pelle molto secca. Possiamo comunque applicarla spolverando leggermente il volto con un pennello largo o tamponando delicatamente con una spugna.

Un makeup che dona naturalezza

Dedicare una cura eccessiva alle sopracciglia potrebbe allontanarci dalla naturalezza che vogliamo ottenere, ma neppure trascurarle sarebbe la scelta giusta. Possiamo usare uno spazzolino per pettinarle all’insù, e ridelinearle con una matita per sopracciglia solo in presenza di vuoti causati dalla depilazione o imperfezioni.

Occhi e sguardo

Per quanto riguarda gli occhi, occorre truccarli con molta sapienza e precisione. Per un make up naturale, dobbiamo assolutamente evitare le righe nette e le sfumature eccessive. Possiamo invece sfumare le palpebre con un pennellino dopo aver magari applicato una matita marrone all’attaccatura delle ciglia.

Anche l’ombretto va usato con cautela: al bando i colori molto accesi, che non si addicono a un occhio dall’aspetto naturale. Meglio le tonalità neutre o ambrate, o anche quelle più scure che tendono al marrone se non si creano contrasti evidenti.

Del mascara, essenziale per donare intensità allo sguardo, non possiamo davvero fare a meno. Meglio però sceglierne uno di colore nero piuttosto che marrone. Possiamo optare per un mascara solido, più economico di quello liquido, ma con una buona tenuta.

Per definire le ciglia una ad una, possiamo applicare un mascara che abbia un applicatore ad alta precisione. Il mascara va passato dalle radici alle punte, iniziando con l’angolo esterno e terminando con quello interno.

Per evitare di macchiare le palpebre in caso di sbavatura durante l’applicazione del mascara, basterà applicare con un pennello uno strato sottile di polvere di ombretto sulle palpebre stesse.

Labbra semplici con rossetti dai colori poco aggressivi

Quello delle labbra è senza dubbio un momento cruciale del trucco: una scelta sbagliata potrebbe infatti compromettere il risultato e persino vanificare del tutto i nostri sforzi volti verso la naturalezza.

Se non riusciamo a rinunciare al rossetto, è bene sceglierne uno che sia in armonia con i propri colori e che non risalti a colpo d’occhio. Stendiamolo partendo dal centro delle labbra per poi portarlo delicatamente verso l’esterno. Dopo si può applicare anche un gloss trasparente.

Fuggiamo quindi da tonalità sgargianti e colori aggressivi. Per un effetto più leggero e naturale, è possibile anche usare il gloss o un lip balm in sostituzione del rossetto.

Possiamo poi ricorrere a una matita per labbra per sottolineare il contorno della bocca, sempre con moderazione, magari sfumando il colore verso l’interno. Dovremmo usarne una color carne poiché appare meno evidente e ci mette al riparo da forti stacchi di colore. È in ogni caso preferibile che abbia una mina morbida.

Il fard giusto per ogni tipo di viso

Infine, per riequilibrare i nostri tratti facciali, utilizziamo sapientemente il fard in modo che si adatti alla forma specifica del nostro viso:

  1. Se abbiamo un viso tondo, possiamo assottigliarlo o slanciarlo applicando il fard in diagonale, partendo dalle tempie e scendendo via via verso gli zigomi.
  2. Per un viso lungo, partiamo invece dalle guance e immaginiamo di tracciare linee orizzontali spostandoci verso i lati.
  3. Su un viso largo, usiamo un fard più scuro sulle guance e sul mento, e magari uno più chiaro sugli zigomi e sul naso, creando così un effetto assottigliante.
  4. Su un viso spigoloso è bene applicare il fard partendo dal centro, con movimenti circolari sempre più ampi.

Se la nostra pelle tende a essere grassa, il fard che fa per noi è certamente quello in polvere. Scegliamo invece un fard in crema con funzione idratante se abbiamo una pelle secca o segnata da rughe.

Per quanto riguarda il colore, in caso di incertezza è meglio orientarsi verso il rosa pesca, che si adatta bene a quasi tutti i tipi di carnagione e ci fa acquisire inoltre un aspetto fresco e sano. È importante che l’applicazione avvenga in un luogo ben illuminato, magari con luce naturale, per osservare al meglio la tonalità del prodotto.

Il look perfetto quasi come madre natura

Se avrete seguito con attenzione questi consigli potrete affermare di essere entrate anche voi nella nuova tendenza naturale. Ora non vi resta che valutare i miglioramenti che il nuovo stile ha apportato al vostro look e affinare il vostro metodo, perché ricordate sempre che un buon make up deve innanzitutto farvi sentire a vostro agio.

Se guardandovi allo specchio apprezzerete la vostra nuova luminosità naturale, l’armonia dei colori omogenei e l’aspetto sano e fresco della vostra pelle, allora potrete ritenervi davvero soddisfatte. È arrivato per voi il momento di stupire tutti con un trucco quasi invisibile che farà splendere più che mai la vostra personalità.

Potrebbe piacerti anche Altri di autore

Lascia una risposta

L'indirizzo email non verrà pubblicato.